HOME LIBRI  VIDEO  Mercatino NEWSLETTER

"Notizie dalla Terra Santa"

 

Anno VI - 2010

                                    www.TerraSantaLibera.org         www.HolyLandFree.org

Questa Redazione, pur non condividendo sempre e necessariamente tutte le dichiarazioni degli autori nei testi citati, reputa che esse siano comunque utili fonti di informazione e riflessione.

Non omologati in alcun schieramento, in rispetto della libertà di pensiero e d'espressione garantite costituzionalmente, riteniamo irrinunciabile e giusto dare spazio a molte voci del dissenso, altrove negate.

LE Scuole  ebraiche  preparano  bambini  e  studenti  alla  guerra

Jewish schools Preparing children & students for the war

13 March 2010

Of special interest are initiatives by elementary schools and kindergartens. Many elementary schools in Israel send children to military sites on field trips. Activities such as an "army week" for elementary school pupils in Israel are by no means exceptional. Mock military parades at kindergarten ceremonies have also been observed.

Di particolare interesse sono le iniziative delle scuole elementari e negli asili. Molte scuole elementari in Israele mandano i bambini nei siti militari durante i campi-vacanza. Attività quali "la settimana nell'esercito", per gli alunni della scuola elementare, in Israele non sono assolutamente un'eccezione. Sono state anche segnalate caricature di "cerimonie di parate militari" alla scuola materna .

 

Another almost universal practice is that of collecting gift boxes from children to be sent to soldiers. This is usually linked, especially in kindergartens, with events to mark Israel's Memorial Day and Independence Day (celebrated on two consecutive days), which generally focus on the military. Many municipal authorities organise special ceremonies around this time of the year, in which kindergarten pupils from the entire municipality deliver their gift packages to soldiers of a unit that the municipality “adopts”. These ceremonies often feature military weapons exhibits, speeches by military officers, as the one cited above about the “immense human potential”, and, of course, the immediate and intimate presence of many conscripts in uniform.

Un'altra pratica quasi universale è quella di raccogliere pacchi regalo dai bambini per essere inviati ai soldati. Questo di solito è collegato, specialmente nelle scuole materne, agli eventi per ricordare il Giorno della Memoria e la Festa dell'Indipendenza (celebrate in due giorni consecutivi), che generalmente focalizzano l'attenzione sui militari. Molte amministrazioni comunali organizzano cerimonie speciali intorno a questo periodo dell'anno, in cui gli alunni di scuola materna dell'intero comune consegnano i loro pacchetti regalo ai soldati di un'unità che il comune "adotta". Queste cerimonie spesso dispongono mostre di armi militari, discorsi ufficiali, come quelli che citato l' "immenso potenziale umano", e, naturalmente, la presenza immediata e intima di molti coscritti in uniforme.

 

The recruitment of Israeli children by organised armed Jewish militias was documented by New Profile in 2004. The report explains that Kahane Chai is an extreme rightwing movement, which is active mainly, but not exclusively, in the settlements in the areas occupied in the 1967 Arab-Israeli War (the Six-Day War). The group split from the Kach movement – a once extreme rightwing political party established and headed by Rabbi Meir David Kahane. New Profile estimates that Kahane Chai has been systematically recruiting children, some as young as 10, for many years and regularly sending children as young as 13 to carry out attacks on Palestinians. According to a witness interviewed by the organisation, children take part in many regular activities, and there are also special duties for them:

Il reclutamento di bambini israeliani, organizzato dalle milizie armate ebraiche, è stato documentato dal rapporto "New Profile 2004". Il rapporto spiega che Kahane Chai è un movimento di estrema destra, che è attivo principalmente, ma non esclusivamente, negli insediamenti nelle zone occupate nella guerra arabo-israeliana del 1967 (la guerra dei sei giorni). Il gruppo è diviso dal movimento Kach – un partito politico una volta di estrema destra, fondato e diretto da Rabbi Meir David Kahane. "New Profile 2004" stima che Kahane Chai abbia sistematicamente arruolato bambini, alcuni addirittura di 10 anni, per molti anni e che regolarmente invii bambini molto giovani, sui 13 anni, per effettuare attacchi contro palestinesi. Secondo un testimone intervistato da parte dell'organizzazione, i bambini prendono parte a molte attività regolari, e ci sono anche speciali funzioni per loro:

 

The children throw torches into Palestinian houses and set them on fire. They set fire to cars, and put bombs under cars. Turn over market stalls and draw the Star of David on them, as well as on the faces of Palestinians. Pee in wells, torture Palestinian children until they cry, and stone vehicles and Palestinian neighbourhoods”.

 

"I bambini lanciano torce accese dentro le case dei palestinesi e le incendiano. Danno fuoco alle automobili e piazzano bombe sotto le auto. Danno il giro alle bancarelle del mercato e vi disegnano sopra la stella di Davide, come pure sui volti dei palestinesi. Orinano nei pozzi d'acqua, torturano i bambini palestinesi fino a quando essi non piangono, lanciano pietre contro i veicoli ed i quartieri palestinesi".

 

CHILDREN IN ARMED CONFLICT  (PDF675 KB)

 

Fonti:

http://rete-eco.it/en/news/israeli-politics/12259-military-presence-in-education-in-israel.html

http://www.newprofile.org/images/exhibition/exhibition-extracts-english.pdf

Link a questa pagina: http://www.terrasantalibera.org/bambini_israeliani_da_guerra.htm

"Notizie dalla Terra Santa"

Tutte le notizie e articoli contenuti in questo spazio web sono liberamente riproducibili (salvo successive controindicazioni degli autori e/o degli editori distributori) purchè citandone integralmente tutte le fonti (inclusa questa), gli autori, i traduttori e i links : informazione e contro-informazione devono essere libere  e alla portata di tutti. Chi, divulgando questi notiziari, omette di fornire le indicazioni sopra citate, o impedisce in qualsiasi modo  la  libera veicolazione delle notizie,  sabota gravemente  la libera informazione.